Dietro le Quarte

SETTEMBRE, ANDIAMO… È tempo di progetti.

SETTEMBRE, ANDIAMO…  È tempo di progetti.
settembre 08
14:26 2014

Settembre si dà arie di Capodanno… e non perché di questa estate 2014 molti ricorderanno pioggia e temperature dicembrine, ma perché – non è forse vero? – si torna sempre dalle vacanze con buoni propositi e sani progetti di rinnovamento per i mesi a venire.

Scegliamo dunque di inaugurare la nuova stagione di DietroleQuarte con la presentazione di un testo che accompagna il project leader (sia esso casalinga, panificatore, dirigente scolastico o pilota…) sulla via giusta per la realizzazione – nei tempi, modi e budget stabiliti – di progetti di sviluppo e innovazione. Il tutto con un team motivato e capace di far fronte alle inevitabili difficoltà, trasformandole in occasioni di crescita.

Impossibile? Non per Mike Clayton, project manager di lunga esperienza, consulente d’azienda e facilitatore, autore di “Team leadership in pratica”, pubblicato recentemente in Italia dalla nostra casa editrice e giunto alla seconda edizione. La premessa al suo discorso è da sogno:

Ogni progetto che guidate può essere “eccellente”. E dovrebbe esserlo, se volete ottenere il massimo dai migliori collaboratori che avete a disposizione. Personalmente, sono convinto che ogni progetto possa essere eccellente se mostrate passione, integrità e impegno.

Vien proprio voglia di provarci. E le parole di Clayton, comunicatore di primo piano, si fanno leggere con crescente appetito pagina dopo pagina, peraltro confortati dal fatto che ci viene chiesto, quale requisito base per la lettura, nient’altro che… un po’ di buon senso!

Per chi tuttavia fosse al primissimo approccio con questi temi, ecco in regalo il glossario che si trova a fine libro:

 

Particolarmente interessante la scelta di affrontare prima (parte 1 e 2) “cosa significhi essere un ottimo project leader quando la project leadership è un optional, cioè quando si ha la possibilità di scegliere se rendere eccellente il progetto” e successivamente, nella terza parte,  come agire quando, per dirla in parole povere, c’è poco da scegliere e la project leadership è componente essenziale del lavoro per il raggiungimento dell’eccellenza. Si tratta di saper affrontare occasioni in cui il lavoro mostra le sue criticità: forme di resistenza, demotivazione, necessità di cambiamenti dell’ultimo minuto, controllo dello stress.

Il linguaggio adottato e la schematicità della trattazione rendono “Team leadership in pratica” uno strumento di apprendimento estremamente piacevole.

Riportiamo le regole sintetizzate a fine libro, sicuri di destare il desiderio di leggere tornando all’inizio!

La prima regola dei team

Ognuno ha il team che si merita.

La prima regola comunicativa

L’onestà non è la politica migliore…

… è l’unica.

Le tre regole del cambiamento

• Regola 1: Incontrare una qualche forma di resistenza è inevitabile.

• Regola 2: Rispettate sempre chi oppone resistenza.

• Regola 3: Alcuni accettano il cambiamento di buon grado; fateli diventare vostri alleati.

Le tre regole della negoziazione

• Regola 1: Mai fare una concessione senza assicurarsene un’altra in cambio.

• Regola 2: Fate sempre una concessione inferiore alla precedente.

• Regola 3: Mai fare una concessione che vi porti lontano dalla miglior alternativa possibile all’accordo accettabile.

La prima regola dei meeting

S’inizia sempre all’orario stabilito.

E infine, per gli amici di questo blog – e considerato che Clayton per primo si definisce avido e onnivoro lettore – la preziosa bibliografia FrancoAngeli del Project Management:

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Loading Facebook Comments ...

RICEVI I NOSTRI POST VIA EMAIL

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi post
* = campo richiesto!

Archivi

@AngeliEdizioni

LINK UTILI

Libri e conversazione online: una guida introduttiva per i nostri autori